Vannino Chiti

Gruppo Partito Democratico
3ª Commissione permanente (Affari esteri, emigrazione)
Presidente 14ª Commissione permanente (Politiche dell’Unione europea)
Delegazione parlamentare italiana presso l’Assemblea del Consiglio d’Europa
Senatore della Repubblica
Il Blog – La questione non è la data del congresso ma le priorità e la cultura politica del Pd

Il Blog – La questione non è la data del congresso ma le priorità e la cultura politica del Pd

Bisogna ritrovare tra noi, nel Partito Democratico, una fiducia reciproca. Ricostruirla è una condizione preliminare per qualsiasi rilancio abbiamo in mente. Il dibattito e purtroppo un rischio di rottura non sono nati in questi ultimi giorni né le divergenze riguardano in astratto la data o i tempi di svolgimento del congresso. La questione è un’altra: con quello che sta cambiando nel mondo, dagli Usa all’Europa, con le disuguaglianze crescenti, i rischi di guerre e il terrorismo, con le sfide portate alla democrazia, è necessario oppure no mettere a fuoco cosa deve fare il Pd, le sue priorità, la sua cultura politica? Per farlo ci si può affidare allo statuto che abbiamo, ai congressi come li abbiamo vissuti dalla nostra nascita ad oggi? È sufficiente far svolgere la corsa per la leadership, la conta, con un residuo di marginale discussione politica annoiata? C’è oppure no la necessità di un approfondimento alto, unitario, capace di coinvolgere il nostro mondo e le competenze che possono aiutarci, le energie che dobbiamo saper raccogliere? Poi, legittimamente, verranno le distinzioni, le scelte del leader più adeguato. Prima deve esserci un impegno comune, non affidato alla sola mozione di chi vincerà il congresso. Un esempio banale: è come se discutessimo, con asprezza, su chi deve guidare il treno, senza aver deciso dove va, il suo percorso e la stessa disposizione dei vagoni. Il problema davanti a noi è questo: non un dispetto o un favore da fare a Renzi, bensì il contributo dì una grande sinistra plurale per sconfiggere i populismi reazionari, le destre antidemocratiche; per realizzare una democrazia sovranazionale in Europa, una società più giusta, l’affermazione dei diritti umani e della non violenza.
Si devono e possono evitare rotture drammatiche nel Partito Democratico, il frutto di 20 anni di impegno per costruire una casa comune dei progressisti, se centrali tornano ad essere la politica e la responsabilità.

PD. Chiti: vedo una corsa precipitosa verso il disastro

"Davanti agli occhi ho questa scena: una corsa precipitosa e gioiosa verso il disastro politico. Si rischia una rottura definitiva del Pd e la vanificazione di 20 anni di impegno per dare una casa comune ai progressisti italiani, una sinistra plurale, moderna ed...

leggi tutto

PD. Chiti: confronto sui temi, congresso e poi voto

"Bisogna rimettere in piedi il Pd dopo le sconfitte alle amministrative e al referendum".  Lo afferma il senatore del Pd Vannino Chiti. "Il congresso si può fare in due modi", aggiunge l'esponente dem: "una convocazione immediata con scontro sulle persone che sposta...

leggi tutto

Chiti rinuncia a indennità di presidente di Commissione

Il senatore Vannino Chiti, con una lettera inviata il 17 giugno 2013 (inizio legislatura) al presidente del Senato Pietro Grasso, ha rinunciato all’indennità di presidente della XIV commissione Politiche dell’Unione Europea di 2.223 euro lordi.

Agenda

  • 21 febbraio 2017 9:00 23 febbraio 2017 19:02
    ALBANIA - Il senatore Vannino Chiti sarà in viaggio istituzionale in Albania, in rappresentanza della XIV Commissione, Politiche dell'Unione Europea.

In evidenza

Presentazione In Senato del libro ‘Vicini e lontani’. Il video

Nella sala Koch del Senato è stato presentato il mio nuovo libro 'Vicini e lontani. L'incontro tra laici e cattolici nella parabola del riformismo italiano'. Hanno partecipato Pietro Grasso, Stefano Folli, Gianni Cuperlo, Luigi Zanda, Giorgio Benvenuto...

Chiti rinuncia a indennità di presidente di Commissione

Il senatore Vannino Chiti, con una lettera inviata il 17 giugno 2013 al presidente del Senato Pietro Grasso, ha rinunciato all'indennità di presidente della XIV commissione Politiche dell'Unione europea di 2.223 Euro Lordi.

Hack. Chiti: l’Italia e il mondo perdono grande donna

''Con la scomparsa di Margherita Hack l'Italia e il mondo perdono una grande donna, che ha dedicato la sua vita al servizio della scienza e della cultura, impegnata in prima linea e con passione sui diritti civili, in campo politico e sociale e a difesa della parita'...

Attività parlamentare