”Paolo Gentiloni – una persona che stimo molto – ricorda alla minoranza Pd che e’ norma sulle scelte adeguarsi alla volonta’ della maggioranza. E’ vero, ma ad una condizione: che le scelte proposte siano coerenti con i valori costitutivi di un partito”.
Lo afferma il senatore del Pd Vannino Chiti, che prosegue: ”Nel nostro caso – quello sul lavoro – a me non sembra che sia cosi’. Le proposte che fino ad ora avanza la maggioranza non appaiono compatibili con una sinistra plurale moderna, quale il Pd dovrebbe essere. Questa e’ la situazione concreta davanti a noi. Esistono solo due strade per affrontarla: non sono uguali e spetta alla maggioranza la responsabilita’ di decidere quale delle delle due seguire. Puo’ scegliere – come e’ possibile e giusto – una mediazione positiva con la sinistra interna, oppure procedere attraverso un’intesa con le destre. In quest’ultimo caso sarebbe pura illusione immaginarsi che tutto continui come se niente fosse. Ne seguirebbe, temo, una lacerazione politica profonda grave per il Pd, il governo, il Paese”